Alghe usate come indicatori dell'acqua

Un'eccessiva crescita di alghe può servire come indicatore di problemi di qualità dell'acqua
Pertanto, un'eccessiva crescita di alghe può servire come indicatore di problemi di qualità dell'acqua.

Le alghe sono parti essenziali degli ecosistemi degli stagni e in condizioni naturali rimangono in equilibrio con gli altri abitanti degli stagni. Alcune condizioni, tuttavia, consentono alle alghe di riprodursi abbastanza rapidamente da disturbare l'ecosistema di uno stagno. Una di queste condizioni è lo squilibrio dei nutrienti. Pertanto, un'eccessiva crescita di alghe può servire come indicatore di problemi di qualità dell'acqua.

Tipi specifici da problemi specifici

Uno stagno medio ospita un'ampia varietà di specie di alghe che crescono più vigorosamente del normale quando i livelli di nutrienti sono sbilanciati. Di conseguenza, è difficile trarre conclusioni specifiche sulla qualità dell'acqua di uno stagno in base ai tipi di alghe che sono più evidenti nello stagno. Tuttavia, alcune linee guida possono aiutarti a interpretare la situazione delle alghe nel tuo laghetto. Grandi fili e ciuffi di materiale verdastro, noti come alghe filamentose, sono comuni dopo l'ingresso di nutrienti in eccesso uno stagno. Le nuvole giallo-verdastre vicino alla costa sono un tipo diverso di alghe che hanno meno probabilità di indicare una contaminazione. Una forte presenza di alghe blu-verdi - tecnicamente, batteri che sembrano alghe - può indicare che il contaminante è fosforo piuttosto che azoto perché quelle specie tollerano bassi livelli di azoto.

Requisiti e beneficio

Le alghe sono parti essenziali degli ecosistemi degli stagni
Le alghe sono parti essenziali degli ecosistemi degli stagni e in condizioni naturali rimangono in equilibrio con gli altri abitanti degli stagni.

Le alghe che si trovano comunemente in uno stagno sono piante microscopiche. A differenza delle verdure, degli alberi e di altre comuni piante terrestri, le alghe sono semplici, il che significa che non hanno cellule specializzate che si formano in organi distinti, come radici e foglie. Tuttavia, le alghe hanno gli stessi bisogni di base per la crescita e la riproduzione delle altre piante: hanno bisogno di energia dalla luce solare e di nutrienti minerali dal loro ambiente. L'ecosistema di uno stagno fallirebbe senza alghe perché organismi più grandi come i pesci dipendono dall'ossigeno rilasciato dalle minuscole piante come sottoprodotto della loro fotosintesi.

Risultati di troppo

Una moderata quantità di alghe è benefica per uno stagno, ma le alghe diventano rapidamente problematiche quando le condizioni ambientali e climatiche sono fortemente favorevoli. L'eccessiva crescita di alghe, nota come fioritura algale, rende uno stagno meno attraente e meno prezioso per le attività ricreative. In casi estremi, le fioriture algali possono danneggiare altri organismi acquatici esaurendo l' apporto di ossigeno di uno stagno o rendendo l'acqua troppo alcalina. Alcune condizioni naturali, come temperature calde e precipitazioni, contribuiscono alla fioritura delle alghe, ma anche la scarsa qualità dell'acqua è un fattore importante.

Fattori di crescita eccessiva

L'azoto e il fosforo sono essenziali per giardini e prati, ma questi elementi diventano contaminanti quando si accumulano nei corpi idrici perché limitano i nutrienti negli ecosistemi acquatici. La quantità naturalmente limitata di azoto e fosforo in uno stagno aiuta a mantenere un corretto equilibrio tra i vari organismi che condividono lo stagno. Quando uno stagno è contaminato da azoto e/o fosforo dal deflusso di fertilizzanti o da un sistema settico che perde, le alghe crescono e si riproducono rapidamente.