Le migliori piante da compagnia per le more

Alcuni giardinieri usano i cespugli di more come piante da sottobosco per arbusti più alti
Sebbene le more producano meglio in pieno sole, alcuni giardinieri usano i cespugli di more come piante da sottobosco per arbusti più alti e per alberi.

Mentre le file ordinate di cespugli di more offrono le opportunità di raccolta più semplici per i giardinieri autosufficienti, potresti preferire "mescolare" coltivando more sotto una chioma di alberi complementari, oltre a mescolarle con altri arbusti portatori di cibo. È anche utile utilizzare erbe e fiori che aiutano a mantenere la salute degli arbusti. Le more prosperano in un certo numero di climi e condizioni del suolo, anche se non amano il terreno paludoso o impoverito di azoto. Possono anche tollerare l'ombra parziale, anche se gli arbusti non producono tanti frutti come quelli piantati nei luoghi più soleggiati.

Alberi

Sebbene le more producano meglio in pieno sole, alcuni giardinieri usano i cespugli di more come piante da sottobosco per arbusti più alti e per alberi. Nei giardini più grandi, gli alberi di quercia bianca (Quercus alba) o madrone del Pacifico (Arbutus menziesii) sono considerati piante complementari per le more, in parte perché immagazzinano l'umidità nelle loro chiome frondose e perdono i nutrienti sotto forma di pacciame frondoso. Se il tuo cortile non può ospitare un albero grande come una quercia o un madrone, considera alberi naturalmente piccoli o nani come il pero, il ciliegio e il mandorlo.

Altri arbusti

Aiutano anche a nascondere gli steli nudi di cespugli di more
Aiutano anche a nascondere gli steli nudi di cespugli di more, rose e altre piante di rovo.

Stabilire piante di altezza simile e che prosperano nelle stesse condizioni del suolo aiuta a disorientare gli insetti nocivi desiderosi di un grande raccolto di una particolare pianta. Per estendere la produttività del tuo giardino, scegli altri arbusti che producono frutti. Gli arbusti di mirtillo sono buoni compagni per i tratti più soleggiati del tuo giardino perché sono simili in altezza alle more. Inoltre, le more tollerano l'acidità di cui gli arbusti di mirtillo hanno bisogno. Gli arbusti che possono prendere un po' di ombra includono le nocciole, oltre a due rovi commestibili meno conosciuti: mirtilli e ditali, che aiutano a colmare le lacune tra i raccolti di more. Per il colore e il valore del cibo, considera i cespugli di rose a cinorrodo, che producono frutti ricchi di vitamina C in autunno. Rosa Rugosa è aclassico cespuglio di rose resistenti che si adatta bene ai suoi cugini di rovo.

Erbe più alte

Pianta erbe alte davanti o tra le piante di mora per aiutare a incoraggiare gli impollinatori e per allontanare i parassiti degli insetti distruttivi. Insieme ai cespugli di rose, considera la melissa (Monarda spp.) e la borragine (Borago officinalis) per attirare gli impollinatori. Il tanaceto (Tanacetum vulgare) e la ruta (Ruta spp.) sono noti per i loro composti vegetali, come la canfora, che disorientano tali frutti di mora e predatori di steli come coleotteri e topi giapponesi. L'issopo (Hysoppus officinalis) attira sia le api che aiuta a respingere i parassiti, comprese le falene del cavolo e gli scarafaggi delle pulci.

Coperture del terreno

Come per le erbe più alte, le coperture del terreno possono svolgere diverse funzioni, dai repellenti per insetti agli attrattivi per gli impollinatori fino a fornire una copertura attraente alla base delle piante. La menta (Mentha spp.), la melissa (Melissa officinalis) e l'erba cipollina (Allium schoenoprasum) svolgono tutte e tre le funzioni. Aiutano anche a nascondere gli steli nudi di cespugli di more, rose e altre piante di rovo. Le fragole estendono il raccolto commestibile fornendo fiori delicati in primavera e fogliame che copre il terreno durante la stagione di crescita. Piselli o fagiolini tipo cespuglio sono ortaggi annuali che aggiungono azoto al terreno, i principali nutrienti di cui le more hanno bisogno. Pianta piselli o fagioli compatti vicino ai gambi delle more. Dopo aver raccolto i legumi, taglia le piante esauste alla base piuttosto che strapparle per evitare di danneggiare le piante di mora. Le radici dei legumi in disintegrazione continueranno a conferire azoto alla macchia di mora.