Un albero di cachi farà un buon bonsai?

Conosciuti come il cachi comune (Diospyros virginiana)
I cachi europei, conosciuti come il cachi comune (Diospyros virginiana) e il cachi del Texas (Diospyros texana), sono stati ampiamente utilizzati nella cultura dei bonsai.

I cachi (Diospyros spp.) Originari dell'Asia orientale e del Nord Europa crescono nelle zone di rusticità delle piante del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti da 4b a 9b. Il cachi ha catturato a lungo l'immaginazione dei coltivatori di entrambe le regioni: insieme a frutti come ciliegie e mele cotogne, i cachi sono stati addestrati come bonsai.

Caratteristiche dei bonsai

Qualsiasi albero può essere manipolato usando le tecniche dei bonsai, ma alcune caratteristiche rendono alcuni alberi superiori ad altri. Le caratteristiche ideali dei bonsai includono foglie piccole o foglie che possono essere indotte a crescere più piccole, internodi corti, corteccia e radici attraenti, una forma naturale consistente e la capacità di resistere a potature intense e coltura in contenitore. Aiuta anche se una pianta può sopravvivere senza una radice a fittone, perché spesso è necessario rimuovere questa strada nutritiva per mantenere l'albero in un contenitore. Piccoli fiori e frutti rendono un albero leggermente più impegnativo, ma un bonsai molto più attraente quando è completamente maturo.

Cachi adatti ai bonsai

Qualsiasi albero può essere manipolato usando le tecniche dei bonsai
Qualsiasi albero può essere manipolato usando le tecniche dei bonsai, ma alcune caratteristiche rendono alcuni alberi superiori ad altri.

Sebbene siano disponibili diverse specie di cachi, alcune prendono la forma più facilmente di altre. I cachi europei, conosciuti come il cachi comune (Diospyros virginiana) e il cachi del Texas (Diospyros texana), sono stati ampiamente utilizzati nella cultura dei bonsai. I cachi asiatici, la mela d'oro (Diospyros decandra) e il cachi indiano (Diospyros peregrina), sono comunemente tenuti come bonsai nei templi buddisti in Thailandia.

Cachi da addestramento

I cachi possono essere addestrati a una forma bonsai con un'attenta pianificazione. Una delle principali lamentele su di loro come esemplari di bonsai è che i loro rami a volte sono radi, quindi prima di rimuovere un ramo, assicurati di non averne bisogno in seguito. Puoi anche indurre foglie molto più piccole tagliando tutte le foglie dall'albero nel punto in cui il picciolo incontra il tessuto fogliare. Prestare sempre attenzione quando si tagliano o si manipolano i cachi perché possono produrre spine feroci. I cachi possono essere addestrati a un unico tronco o a più tronchi di fila.

Cura dei bonsai di cachi

I cachi richiedono cure simili ad altri bonsai: annaffiature regolari e molta attenzione all'umidità delle radici sono in cima alla lista. Poiché sia fiori che frutti, potrebbe essere necessario adattare il loro programma di fertilizzanti durante tutto l'anno man mano che le loro esigenze cambiano. Tra la formazione di gemme e la formazione di frutti, ridurre la quantità di azoto aiuterà il tuo cachi a concentrare i suoi sforzi sullo sviluppo dei frutti piuttosto che su più foglie. Questi alberi a crescita lenta richiederanno probabilmente il rinvaso solo una volta all'anno o due.