Come tagliare una mela cotogna giapponese?

Per mantenere gestibile una mela cotogna giapponese
Per mantenere gestibile una mela cotogna giapponese, la potatura dopo che i fiori primaverili sono sbiaditi è una necessità annuale.

Chaenomeles japonica, noto anche come mela cotogna giapponese, è un arbusto deciduo resistente alla siccità che cresce all'ombra o in luoghi soleggiati nel giardino. A causa della sua fioritura precoce, attira farfalle e colibrì. Resistente alla zona di rusticità USDA 4, l'arbusto cresce vigorosamente in quasi tutti i tipi di terreno ad eccezione dei terreni altamente alcalini. Mentre i prolifici fiori dell'inizio della primavera producono frutti amari simili a mele adatti per gelatine e conserve, l'arbusto è anche una massa densa e spinosa di rami ramoscelli. Per mantenere maneggevole una mela cotogna giapponese, la potatura dopo che i fiori primaverili sono sbiaditi è una necessità annuale.

1

Indossa maniche lunghe e pantaloni, guanti pesanti e occhiali protettivi per proteggere la pelle e gli occhi dai rami spinosi. Posiziona il tuo cestino verde nelle vicinanze in modo da maneggiare i rami il meno possibile.

2

Pota a terra i polloni attorno alla base dell'arbusto, usando il potatore o i troncarami. Taglia i rami in brevi sezioni e mettili immediatamente nel cestino verde.

3

I fiori del prossimo anno sbocceranno sulla nuova crescita dell'estate
I fiori del prossimo anno sbocceranno sulla nuova crescita dell'estate; potare subito dopo che i fiori primaverili sono sbiaditi.

Raggiungi il cespuglio con il potatore a palo e taglia i rami secchi. Manovra un paio di pinze da barbecue a manico lungo per aiutarti ad afferrare e tirare fuori i rami dall'arbusto.

4

Successivamente assottiglia la crescita più vecchia, rimuovendo i rami usando troncarami o potatori a incudine. I fiori del prossimo anno sbocceranno sulla nuova crescita dell'estate; potare subito dopo che i fiori primaverili sono sbiaditi.

5

Modella i rami rimanenti dell'arbusto secondo necessità per ridurre le dimensioni complessive del cespuglio. Rimuovere fino a un terzo dei rami per incoraggiare una nuova crescita vigorosa.