Tagliate il rosmarino toscano se si congela

L'acqua relativamente pura congela a 0°C
Tra le celle, tuttavia, l'acqua relativamente pura congela a 0°C. Quando quest'acqua si congela, l'acqua all'interno delle cellule viene estratta.

Che il tuo rosmarino toscano sia la specie autoctona italiana (Rosmarinus officinalis) o la cultivar "Tuscan Blue" (Rosmarinus officinalis "Tuscan Blue"), il suo profumo ricco e il fogliame sempreverde aggiungono bellezza al giardino tutto l'anno. Tuttavia, le basse temperature possono sfidare queste piante, che sono resistenti nelle zone di rusticità vegetale del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti da 8 a 11. Capire come le temperature di congelamento influenzano il tuo rosmarino e sapere come proteggerlo o ripristinarlo può aiutarti a mantenerlo al meglio.

Congelamento

Se la tua pianta di rosmarino subisce danni da gelo, tagliare le aree colpite è la tua unica risorsa. Le piante hanno acqua nei loro tessuti, sia all'interno che tra le cellule. All'interno delle cellule, l'acqua si fonde con altre sostanze per formare una sorta di antigelo botanico che resiste alle temperature di congelamento. Tra le celle, tuttavia, l'acqua relativamente pura congela a 0°C. Quando quest'acqua si congela, l'acqua all'interno delle cellule viene estratta. Gli stress risultanti possono causare la rottura delle pareti cellulari. Lo scongelamento rapido ha un effetto simile. Se le pareti cellulari scoppiano a causa del restringimento e del rigonfiamento causato dal congelamento o scongelamento delle cellule, quelle cellule non possono riprendersi. I danni da congelamento devono essere eliminati, ma anche il tempismo è importante.

Potatura

Se la tua pianta di rosmarino subisce danni da gelo
Se la tua pianta di rosmarino subisce danni da gelo, tagliare le aree colpite è la tua unica risorsa.

Se la potatura diventa necessaria, aspettare che l'ultima minaccia di gelo sia passata è molto meglio per la salute della tua pianta di rosmarino. La potatura stimola una nuova crescita e la nuova crescita è particolarmente suscettibile ai danni del freddo. Il fogliame danneggiato lasciato sulla pianta può fungere da strato di protezione se colpisce un altro colpo di freddo. Aspettare ti aiuta anche a discernere quali parti delle piante sono morte e quali sono ancora vitali. Quando tutto il pericolo di gelo è passato, rimuovere il tessuto danneggiato, in armonia con la forma naturale della pianta. Taglia la cima verso l'esterno, così la nuova crescita sarà in una direzione che non richiederà più potature. Un'applicazione di fertilizzante multiuso aiuterà a incoraggiare una nuova crescita.

Prevenzione

La prevenzione dei potenziali danni da freddo inizia con la selezione di piante resistenti in modo affidabile e il loro mantenimento in salute. Le piante sane resistono sempre meglio allo stress. Indipendentemente dalla cultivar scelta, pianta il rosmarino in primavera, così ha tutto il tempo per sviluppare radici estese. Evita di piantare in zone basse dove potrebbe accumularsi gelo poiché l'aria fredda scorre naturalmente verso il basso. Un punto soleggiato contro una parete esposta a sud aggiunge ulteriore protezione e calore e protegge la tua pianta dai venti invernali secchi. Protegge anche dal sole mattutino che può far scongelare troppo rapidamente una pianta congelata. Dalla fine dell'estate in poi, non concimare o potare il tuo rosmarino, o stimolerai una nuova crescita tenera. Lascia che la tua pianta si indurisca naturalmente mentre la stagione avanza verso temperature più basse.

Cultivar resistenti

Il National Arboretum degli Stati Uniti a Washington, DC, sperimenta ampiamente la resistenza al freddo del rosmarino. Gli studi mostrano che le cultivar con foglie più sottili e fiori più chiari resistono meglio al freddo e le forme erette sono più resistenti dei tipi prostrati. Due cultivar in particolare si distinguono per l' eccezionale resistenza al freddo. Il rosmarino "Arp" (Rosmarinus officinalis "Arp") è affidabile nelle zone USDA da 7 a 10, con molte segnalazioni di successo nella zona 6. "Hill Hardy" (Rosmarinus officinalis "Hill Hardy"), noto anche come "Madelene Hill, " è resistente in modo affidabile nelle zone da 7 a 10. Un certo numero di altre cultivar mostra anche la promessa di resilienza invernale, dimostrando poco o nessun deperimento negli inverni della zona 7 dell'arboreto.